Please enable JS

diario

Bricolo Falsarella
img

+ bricolo falsarella per domus raccontano l'esperienza del lockdown dentro la casa studio di sommacampagna - aprile 2020



Domus: il 14 Aprile 2020.  Bricolo Falsarella con Manuel Cervantes (Città del Messico) sono protagonisti del racconto "Casa, studio e ibridi: Messico ed Italia" per la rassegna "Coronavirus. Come abbiamo abitato in quarantena: un diario"  con il coordinamento editoriale Giulia Ricci e Alessandro Scarano (Redazione Domus).
Guarda l'articolo al Link:
https://www.domusweb.it/it/notizie/2020/03/16/come-abitiamo-in-quarantena-un-diario-dei-giorni-del-coronavirus.html
Viene presentato come viene vissuto il periodo della quarantena nella casa studio di Manuel Cervantes a Città del Messico e nella casa studio di Francesca Falsarella e Filippo Bricolo (Bricolo Falsarella) nel centro storico di Sommacampagna sulle colline moriche del Lago di Garda in provincia di Verona.
Leggio il testo di Filippo Bricolo:

Da molti anni vivo un rapporto intenso con la mia casa/studio.
Noi ci assomigliamo molto perché anche lei non riesce a concepire una divisione tra l’architettura e la vita. Tutto deve essere un continuo fluire. Dalla camera da letto una porta conduce direttamente nella sala principale dello studio dove prima della quarantena lavoravano i nostri collaboratori.  Ora loro disegnano da remoto  e la porta rimane sempre aperta e così anche questo ultimo e flebile filtro è svanito.
C’è una foto che ironizza sul mio rapporto con la casa/studio: ci sono io come Monsieur Hulot che vivo in tutti i suoi spazi contemporaneamente.
In questa quarantena, con il lento passare dei giorni, ho avuto l’impressione che la provocazione  della fotografia si evolvesse fino a raggiungere un suggestivo ed inaspettato compimento.
Credo, infatti, che nei prossimi giorni la mia sorte finalmente si compirà e mi trasformerò nella mia casa.
In fondo è giusto così. Non è forse il destino del creativo quello di arrivare a coincidersi?
Flaubert ci aveva già avvisati: “Madame Bovary c’est moi”.